Asilo nel Bosco

Dopo molti anni di attività con i bambini nella fattoria didattica, abbiamo notato che nella società di oggi c’è un bisogno sempre maggiore di contatto con la natura, dato che sembra essere un aspetto a volte sottovalutato. Questo “deficit di natura” deriva da una vita sempre più frenetica, prevalentemente svolta in ambienti chiusi che costringono i bambini a limitarsi e limitare la loro voglia di conoscere e muoversi. Il soffitto della nostra aula sarà il cielo e le pareti non esisteranno. È dimostrato che l’educazione all’aria aperta stimola la fantasia, la curiosità, l’immaginazione, troppo spesso soffocate da un’educazione tradizionale improntata principalmente sulla sfera cognitiva. Un’attenzione particolare verrà rivolta all’educazione emozionale e allo sviluppo dell’empatia, attraverso la creazione di relazioni personali. Il gioco è la modalità educativa e di apprendimento che prediligiamo.

” Così nasce..l’associazione culturale Piccole Lucciole! “

ASSOCIAZIONE CULTURALE “PICCOLE LUCCIOLE”
La nostra associazione è stata creata da persone con storie personali e professionali diverse, che si sono trovate ed insieme hanno deciso di creare una realtà educativa differente, a misura di bambino.
Il nostro progetto trae ispirazione da diverse teorie pedagogiche: il metodo Montessoriano, la scuola Steineriana, riprendendo anche i fondamenti che hanno ispirato i primi asili nel bosco danesi.

IL NOME
Abbiamo scelto il nome “le Piccole Lucciole” perché crediamo che i bambini abbiano già dentro una “luce” che deve essere alimentata, in modo da far emergere e valorizzare i talenti che ogni bambino possiede.

Vai alla poesia

I NOSTRI OBIETTIVI
Pensiamo che i bambini di oggi spesso non abbiano l’occasione di mettersi in gioco e rischiare, sperimentare sulla loro pelle che l’acqua bagna, che la terra può essere dura, ma anche soffice, che un albero può diventare un bellissimo castello. La natura stimola l’iniziativa, la creatività e la fantasia per giochi sempre nuovi. Il gioco con materiali naturali fa diventare il bambino un tecnico, un filosofo, un artigiano, un esploratore, poiché una macchinina di plastica rimarrà sempre e solo una macchinina, ma un legno può diventare una canna da pesca, un arco, una bacchetta magica…
Il nostro intento è quello di dedicare ad ogni bambino l’attenzione di cui ha bisogno, stimolando la sua fantasia e facendo emergere il suo talento. Un’attenzione particolare verrà dedicata alla cura delle relazioni, sia tra educatori e bambini, che tra educatori e genitori, per creare una comunità educante, formata da un gruppo di persone in rete, legate da empatia, che hanno tutte come obiettivo il benessere e la felicità dei bambini (e delle loro famiglie)